Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Balbo Bertone di Sambuy

La famiglia

Nel 1819 Giuseppina San Martino-Scaglia (1797-1845), figlia di Felice (1762-1818) e di Cristina Fresia d'Oglianico (1773-1830), sposò Filippo Raimondo Balbo Bertone di Sambuy (1767-1826). Ai Balbo Bertone di Sambuy passarono, in seguito, anche i diritti spettanti a Cesare, fratello di Giuseppina, sposato, nel 1826, con Emilia Galateri di Genola vedova di Luigi Ambrosio di Chialamberto.
L'eredità San Martino-Scaglia passò così alla famiglia Balbo Bertone di Sambuy.
Figlio di Filippo Raimondo è Emanuele (1823-1888), padre a sua volta di Raimondo (1858-1886) da cui nacque, a Chieri nel 1886, Emanuele Balbo Bertone di Sambuy marchese di Breme, assassinato dai tedeschi nel 1944 dopo essere stato deportato in Germania. Con testamento nominò proprio erede il cugino Emanuele (1921-1948) figlio di Luigi e di Teresa Nicolis di Robilant. Dal suo matrimonio con Giuseppina Carena nacque, nel 1947, Maria Edmea.

Bibliografia:
Manno Antonio, Patriziato subalpino, II, Torino 1906, pag. 155 e XVI (dattiloscritto), pag. 3
Avogadro di Vigliano Federico, Gli Scaglia e Giovanna Battista d'Albert de Luynes, VI contessa di Verrua, in 'Rivista Biellese', 1954, pag. 12 e 20.

L'Archivio

Nel 1971 la contessa Giuseppina Balbo Bertone di Sambuy e la figlia Maria Edmea depositarono presso la sezione di Archivio di Stato di Biella il patrimonio archivistico ereditato concernente le famiglie San Martino di Baldissero e della Motta dei Conti e Scaglia di Verrua, Fresia di Oglianico e Benso di Albugnano.
A questa documentazione erano aggregati 4 mazzi contenenti carte contabili della famiglia Balbo Bertone di Sambuy, per lo più registri non ordinati e né inventariati.
Questo stato di fatto sul quale si è intervenuti solo numerando progressivamente i fascicoli, è fotografato nella prima parte dell'inventario (topografico) redatto nel 2004, mentre nella seconda parte (inventario ragionato), le schede sono state ragruppate per ipotetiche serie mutuate dall'
Archivio San Martino-Scaglia, e ordinate per data.

Bibliografia:
M. Cassetti, L'Archivio San Martino-Scaglia, in 'Studi Piemontesi', marzo 1981, volume X, fascicolo 1, pag. 198-202

Archivio San Martino-Scaglia
Famiglia Benso di Albugnano
Famiglia Fresia di Oglianico



Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Archivi di
  famiglie e
  persone
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016