Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Massel di Caresana

La famiglia Massel, in origine Macello, proviene dell'Astigiano.
Il marchese Maurizio Massel sposò nel 1811 Elisabetta Ferrero della Marmora, figlia di Celestino.

L'archivio fu acquistato dall'Amministrazione Archivistica nel 1985.
È lacunoso in quanto subì una grave perdita, nel 1790, durante l'occupazione dei francesi, che saccheggiarono le case di famiglia a Pinerolo e Miradolo.
Altre numerose carte andarono perdute quando furono inviate dal marchese, nel 1812, a Parigi per ottenere la conferma del proprio titolo nobiliare e non furono piùrestituite. La marchesa Elisabetta, rimasta vedova, nel 1816 si occupò di riordinare le poche carte rimaste.
Oggi l'ordinamento è quello dato dal D'Emarese che sciolse i volumi nei quali erano stata riunita la documentazione e li divise in 8 mazzi, segnati con numeri romani, analogamente a quelli dell'archivio La Marmora:

    I: memorie genealogiche e documenti diversi di famiglia

    II: lettere a Giovanni Francesco di Gian Domenico, prefetto di Pinerolo; lettere di Giovanni Battista di Maurizio, capitano nel reggimento Regina

    III-VIII: lettere ricevute da Elisabetta Ferrero della Marmora; documenti diversi della famiglia; documenti diversi di estranei.

Silvia Sette

Bibliografia:
S. Cavicchioli, Famiglia, memoria, mito. I Ferrero della Marmora (1748-1918), 2004

Famiglia Ferrero della Marmora
Le carte di Alberto Ferrero della Marmora


Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Archivi di
  famiglie e
  persone
   Famiglia Ferrero
   della Marmora
   I quattro
   generali
   Famiglia Massel
   di Caresana
Richiesta
informazioni
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016