Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Ferrero della Marmora

Miscellanea

La serie è costituita da 25 mazzi, all'interno delle quali la documentazione è organizzata in 649 fascicoli. I documenti presentano una datazione compresa tra il 1336 e il 1933.
È possibile che il d'Emarese stesse lavorando su questo nucleo come testimoniano alcuni gruppi di carte segnati dalle lettere B - scritti vari - ed E - registri di quietanze - il cui inventario è abbozzato con quello della serie detta economico-feudale, ma non sia riuscito a concludere il lavoro.
La tipologia di documentazione è omogenea nelle prime sei buste nelle quali sono contenuti prevalentemente corrispondenza anteriore al XVIII secolo, prodotta da estranei alla famiglia e qualche atto notarile. Notevole è il numero di epistole spedite e ricevute da Pietro Pezzati, funzionario della città di Biella tra fine '600 e inizio '700. La corrispondenza è contenuta in 538 fascicoli, ordinati secondo l'ordine alfabetico dei mittenti o, nel caso di atti notarili, per ordine alfabetico dei beneficiari o delle proprietà.
Nei restanti diciannove mazzi è presente materiale riguardante la famiglia Ferrero della Marmora e Mori Ubaldini degli Alberti. Vi sono contenuti, organizzati in 111 fascicoli, gli inventari settecenteschi delle scritture presenti negli archivi di famiglia fino ai primi del '900; numerosi registri di quietanze relativi alla città di Biella e di Pralormo; registri di lettere con indici per ordine di data; documentazione relativa alle proprietà della famiglia Ferrero site in territorio di Pralormo; documentazione relativa ad un serbatoio per acqua piovana situato nel territorio di Rivotorto; 147 lettere scritte ad Alfonso Ferrero della Marmora dalla moglie Giovanna Berthie Mathew tra 1849 e 1875 e 15 scritte dallo stesso Alfonso a Luigi Seyssel, tutte riprodotte in digitale; documenti relativi allo stabilimento Idroterapico in palazzo Masserano a Biella Piazzo, con alcune planimetrie; un estratto del catasto della comunità di Curino del 1702.
Sono inoltre presenti cinque pergamene, datate tra il 1336 e il 1544 concernenti: l'investitura di Ludovico di Castellengo alla rettoria della chiesa di San Giovanni di Castel di Monte (mazzo 3, fasc 205); una dichiarazione di ricezione di dote per Simona Gromo (mazzo 3, fasc. 246); un'assegnazione di dote per le nozze di Michela, figlia di Pietro Villa (mazzo 6, fasc. 524); la riconferma del privilegio sull'uso delle acque dei torrenti Cervo e Oropa già concesso a Sebastiano Ferrero dopo esame del Consiglio ducale (mazzo 21, fasc. 629).

Silvia Sette

Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Archivi di
  famiglie e
  persone
   Famiglia Ferrero
   della Marmora
   I quattro
   generali
   Famiglia Massel
   di Caresana
Richiesta
informazioni
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016