Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Archivi notarili

Gli Archivi notarili versano agli Archivi di Stato competenti per territorio, gli atti ricevuti dai notai che hanno cessato l'esercizio professionale anteriormente all'ultimo centennio.( D. Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio art. 41 c. 1)
L'organizzazione in collegio dei notai di Biella ha sicuramente origini antiche: nell'archivio storico della città si conserva il codice degli Statuti dei notai di Biella e mandamento datato 1429, che contiene ordini riforme del collegio fino al 1575.(ASCB m. 19 bis Statuta ed ordinamenta notariorum collegi seribendarie civilium et criminalium) I documenti del periodo più antico presentano parecchie lacune che sono in buona parte dovute alla legislazione sabauda che non previde per i notai che avessero cessato l'attività alcun obbligo di versamento degli atti rogati a un ufficio pubblico. Questi venivano conservati dal figlio, se notaio, o dal notaio che subentrava al defunto o, in base a privilegi locali, dalle comunità.
La facoltà di consegna agli uffici di insinuazione, prevista dalle regie costituzioni e dal regolamento per l'esercizio di notaio e di insinuatore del 1770, non rappresentò comunque un obbligo.
Questo fu introdotto solo con le disposizioni contenute nella legge sul notariato del 25 luglio 1875, n. 2786, in seguito alle quali vennero istituiti gli archivi notarili annessi ai consigli notarili.
Biella è sede di Archivio Notarile che ha effettuato all'Archivio di Stato quattro versamenti negli anni tra il 1967 e il 2002.
Gli Atti dei notai del distretto di Biella raccolgono in 8593 unità archivistiche, per lo più volumi e registri riuniti per notaio e disposti in ordine cronologico, gli originali degli atti rogati dal notaio stesso nel corso della propria attività spesso anche con funzioni diverse da quella propriamente notarile, ai quali si affiancano indici, repertori e, dopo il 1610, registri con le ricevute d'insinuazione. Furono organizzati in tre serie dai conservatori dell'Archivio notarile, con numerazione sequenziale dei volumi all'interno di ciascuna, e corredati da repertori oggi trasferiti su base dati per consentire una ricerca più veloce e puntuale sia per notaio che per luogo di provenienza.
Alle tre precedenti si aggiunge la cosiddetta serie di addizione che raccoglie:

  • Alcuni volumi pervenuti dallo stesso Archivio Notarile con numerazione anomala rispetto agli altri
  • Minutari e protocolli conservati in archivi diversi in particolare in archivi di famiglie nobiliari
e una Miscellanea notarile comprendente:
  • Matricole dei notai , 1723-1801, volumi 2.
  • Verbali di "ricognizione" dei minutari lasciati dai notai defunti, 1771 - 29 luglio 1801, volume 1.
  • Consegne dei minutari dei notai defunti, 1771-1783, volume 1.
  • Transazioni per la comunità di Biella e privati, 1776-1777, volume 1.
  • Delibere di comunità per la vendita del sale nella provincia di Biella, 1669, volume 1.
  • Atti diversi (convenzioni, suppliche), 1661-1754, volume 1.
  • Atti notarili vari, 1579-1697, volume 1.
  • Testamento militare del bersagliere Cerreti Secondo Carlo Antonio di Roppolo, 5 gennaio 1856, fascicolo 1
  • Indice degli atti rogati da Giacomo Francesco e Carlo Giuseppe Bozone notai apostolici, 1700-1743 e ricevute d'insinuazione dal 1720 al 1727, fascicolo 1

Uffici finanziari: Insinuazione

Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Uffici dello stato
   Amministrativi
   Finanziari
   Giudiziari
   Notarili
   Uff. e enti fascisti
   Stato civile
   Catasti
  Atti dei notai
    Archivi notarili
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016