Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Repertorio di fonti documentali su Giuseppe Garibaldi

Carte su Garibaldi nei fondi Ferrero della Marmora e Chiala

Attraverso la corrispondenza di Alfonso Ferrero della Marmora è possibile ricostruire la percezione dell'immagine di Garibaldi da parte di un esponente di spicco dell'aristocrazia piemontese che costituiva l'ossatura dell'apparato burocratico e militare dello Stato sabaudo - poi italiano, nonché ripercorrere passo a passo le vicende storiche del processo di unificazione, con particolare riferimento ai movimenti ed alle imprese dei garibaldini nella Penisola. Sotto tale profilo emblematico appare lo scambio epistolare tra il generale biellese e l'amico Agostino Petitti Bagliani, conte di Roreto, anch'egli attivo al vertice della vita politica e militare, il cui ritmo si fa serrato nel momento cruciale del contrasto tra le truppe garibaldine e la milizia sabauda nel 1862, culminati nel ben noto episodio di Aspromonte. Il costante aggiornamento sugli sviluppi della situazione in quel frangente getta luce sulla pessima opinione, la notevole diffidenza e il timore per un colpo di Stato che i due corrispondenti di illustri natali condividevano nei confronti di Garibaldi, motivato soprattutto dal suo ascendente carismatico sulle masse. Alfonso La Marmora, a prescindere dal procedere delle vicende storiche, non considerò mai Garibaldi generale, e il ricorrere della definizione "briganti" per il Nizzardo e i suoi uomini rappresenta un leit motiv nel suo vasto corpus epistolare conservatoci. Tra le carte del generale biellese sono conservate in copia anche alcune missive scambiate dai vertici dello Stato Maggiore sabaudo concernenti Garibaldi, nel cui testo trova conferma l'immagine di un ribelle poco disposto ad attenersi agli ordini e capace di suscitare negli aristocratici una viva preoccupazione.
Anche il nucleo documentale costituito dalle Carte Chiala conserva carte d'interesse: si segnala la copia di una lettera di Giuseppe Garibaldi ad Amilcare Cipriani del 1866, nella quale il generale esprime dissenso rispetto alla linea di condotta imposta dal governo.

Elena Rizzato

Immagine dall'Archivio
Spazio aperto per il territorio
  Un po' di storia
  Percorsi tra i documenti
 Fili di carta
 La fotografia
    Paesaggi ritratti
    Torrione
  Fonti per il
  territorio
  di Cossato
  Cartografia storica
  del Biellese
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016