Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Corte di assise straordinaria di Biella II

Il D.L.L. n. 142 del 22 aprile 1945 istituisce nei capoluoghi di provincia dei territori italiani. le Corti straordinarie d'Assise "per i reati di collaborazione con i tedeschi". In località diverse dal capoluogo, con decreto del primo presidente della Corte d'Appello si attivano Sezioni delle Corti.
La Sezione di Biella inizia ad operare alla fine di maggio del 1945: il registro generale della cancelleria è aperto il 20 maggio con il procedimento contro Gerolamo Pasqua di Bisceglie. L'udienza, la prima, è fissata per il 19 giugno: sarà l'unica condanna alla pena di morte eseguita, mediante fucilazione alla schiena, il 27 ottobre dopo che era stato rigettato il ricorso alla Corte di Cassazione.
Il collegio giudicante era costituito da un presidente e da quattro giudici popolari estratti a sorte dagli elenchi compilati dai Comitati di Liberazione Nazionali. Presidente fu nominato il cavaliere dottor Domenico Calvelli che operò pressoché ininterrottamente, sostituito solo per un breve periodo dal supplente cavaliere ufficiale Gabriele Cignetti. I giudici popolari cambiavano invece ogni nove giorni circa.

Bibliografia:
Giustizia penale e guerra di liberazione, a cura di G. Neppi Modona, Milano 1984
M. Cassetti, La corte straordinaria d'Assise di Asti,(1945-1947), Fonti per la storia contemporanea 1, Santhià 2001

I fascicoli di Biella

In tutto vennero istruiti 148 procedimenti dei quali 116 discussi dal collegio della Sezione di Biella, 23 rimandati al pubblico ministero per supplemento di indagine tra il 31 luglio e il 17 ottobre, 9 trasferiti ad alte Corti, 5 per competenza territoriale e 4 passati a Vercelli dopo la soppressione della Sezione il 24 dicembre del 1945.
Le sentenze emesse tra il 19 giugno e il 18 dicembre sono 116 raccolte in un volume; i fascicoli archiviati sono numerati da 1 a 104 e conservati in 6 mazzi secondo l'ordine originario di apertura.
In tutto sono schedati 170 imputati: 132 uomini, 38 donne.
Le schede riportano per ogni imputato i dati anagrafici (cognome e nome, luogo e anno di nascita), la professione, il reato contestato, la data del fascicolo, le conclusioni processuali, elementi particolari se contenuti nello stesso.
In nota è riportato, se esistente, il collegamento alle schede della serie Politici del Commissariato di pubblica sicurezza di Biella.
Non sono conservati atti del pubblico ministero.

Commissariato di pubblica sicurezza di Biella

Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Uffici dello stato
   Amministrativi
   Finanziari
   Giudiziari
   Notarili
   Uff. e enti fascisti
   Stato civile
   Catasti
  Uffici
  giudiziari
   Podesterie e
   Giudicature
   Preture
   Prefettura
   Tribunale di
   Prefettura
   TDS
   CAS
   Conciliature
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016