Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Archivio storico della città, di Biella, Comune, serie terza

La serie terza, comprendente la documentazione del XIX e XX secolo, è giunta all'Archivio di Stato per lo più senza alcuna classificazione, o perché assente sin dall'inizio, o perché andata perduta nei vari traslochi dei documenti da una sede all'altra. Solo una parte della documentazione più recente era già stata condizionata in categorie secondo il titolario del 1897.
Sulla sezione ottocentesca si sono operati due interventi di riordino. Il primo ha stabilito grandi serie che ricostruiscono l'attività dell'ente produttore e ha suddiviso la documentazione in sottoserie più dettagliate. Sono state inoltre inserite le carte relative alle opere pubbliche realizzate dal comune che erano già classificate come categoria X, ma risultavano prive di inventario. I documenti concernenti il santuario di Oropa e il convento di San Sebastiano sono stati ordinati separatamente e collocati al termine. Durante il secondo intervento si è proceduto ad ordinare il nucleo di carte emerso, con gli stessi criteri inserendo le carte di seguito alle precedenti. La documentazione prodotta dalla Commissione di pubblico ornato è stata aggregata a quella di stessa categoria e classe (busta 30.1 e seguenti)
La documentazione del XX secolo si presentava in parte già condizionata e suddivisa in categorie seguendo un titolario personalizzato non del tutto uguale a quello ufficialmente istituito con circolare 1 marzo 1897. Il resto dei documenti era invece privo di ordine e spesso senza classificazione alcuna. Si è scelto di applicare il titolario in uso presso il comune predisponendo serie aperte in modo da facilitare l'inserimento dei futuri versamenti.Al termine della categoria V sono stati inseriti separatamente i mandati di pagamento (370 mazzi), le matrici dei mandati, le reversali e gli ordini di riscossione (88 mazzi); al termine della categoria X si trovano le licenze edilizie dal 1900 al 1936 (42 mazzi) e le domande di voltura catastale (107 mazzi); infine al termine della categoria XII si collocano i censimenti (58 mazzi) e i fogli di famiglia (43 mazzi).
I registri relativi alle categorie I e V sono inventariati separatamente.

Dall'introduzione all'inventario prodotto da Barbara Caneparo e Roberta Failla

Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Archivio storico
  Città di Biella
    L'Archivio
    Comune - indice
      serie I
      serie II
      serie III
    Comuni diversi
    Chiavazza
    Cossila
    Bulgaro
    Signori di
    Buronzo
    Vercellone
    Fondazione
    La Marmora
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016